Credo sia veramente incredibile come nel tempo di un film sotto le coperte si possa, invece,  raggiungere la capitale di un altro stato.

Così in una giornata di fine novembre, complice un super offerta Ryan Air ho deciso di acquistare i biglietti aerei per visitare la capitale belga e una magica cittadina nei suoi dintorni.

Con soli 20 euro ho sorvolato le Alpi e sono giunta nell’aeroporto  di Charleroi nel pieno dell’atmosfera natalizia ( vi consiglio vivamente di acquistare i biglietti per la navetta direttamente quando prenderete il volo, l’aeroporto è a 55km dal centro città e se comprati in loco i biglietti costano molto di più).

Questo è il mio diario di viaggio alla scoperta di una città veramente attiva e multietnica: Bruxelles.

Dove alloggiare?

Vi renderete presto conto che Bruxelles è una città in cui ci si sposta veramente facilmente con la metropolitana, per cui aver un hotel in una zona strategica vicino ad essa è fondamentale.

Io ho scelto l’Hotel Bloom che descrive benissimo questo concetto di comodità, a soli 160 metri dalla fermata Botanique. Una struttura grande e moderna, arricchita da dettagli che la rendono veramente piacevole agli occhi, si tratta di un design hotel.

Un camioncino della Wolkswagen è situato in vetrina nella sala dove viene servita la colazione. Proprio una bella idea quella del furgoncino trasformato in un punto per realizzare i propri gustosissimi waffles!

Quanto mi sono, poi, divertita a scattare davanti a murales e opere d’arte che arricchiscono con un tocco di colore e poesia le camere e gli ambienti della struttura.  Veramente consigliato sia per famiglie, che per coppie o amici.

Un signore di Milano chiacchierando ci ha detto che era solito venire tutti gli anni con i propri bimbi, anche loro impazzivano per le sedie rotanti della hall. Indovinate chi ci perdeva tempo a volteggiare nell’aria? 😉

 

I think it’s really amazing how in a time of a movie under the covers you can, instead, arrive in the capital of another state.

So on a day in late November, thanks to a super offer of Ryan Air I decided to buy airline tickets to visit the Belgian capital and a magical town in its surroundings.

With only 20 Euros I flew over the Alps and arrived at Charleroi airport in full Christmas atmosphere (I recommend you to buy tickets for the shuttle directly when you take the flight, the airport is 55km from the city center).

This is my travel diary to discover a very active and multi-ethnic city: Brussels.

Where  to stay?

You will soon realize that Brussels is a city where you really move easily by subway, so having a hotel in a strategic area close to it is essential.

I chose the Hotel Bloom that well describes this concept of comfort, only 160 meters from Botanique underground stop. A large and modern, enriched with details that make it very pleasant to the eyes, it is a design hotel.

A Wolkswagen pickup truck is located in the window in the room where breakfast is served. Truly a good idea of ​​the van turned into a point to realize delicious waffles!

Then, I enjoyed shooting in front of murals and works of art that enrich with a touch of color and poetry the rooms and the spaces of the structure. Truly  recommended for both families and couples or friends.

A Milan man chatting, told us that he used to come every year with their children, they like really a lot the rotating chair of the lobby. Guess who, also, lost  time to twirl in the air? ?

23 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.31 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 2 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 24 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 15 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 21 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.4 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.

Cosa vedere a Bruxelles?

Non potete assolutamente perdervi lo spettacolo di uno delle piazze più belle del mondo e patrimonio Unesco. La Grand Place, sede del municipio, è un luogo delle fiabe, il cuore della città.

L’impatto è stato fortissimo, 19 di sera, ci ( io e la mia sorellina) ritroviamo al centro della piazza ed improvvisamente tutte le luci si son spente in un battito di ciglia.

Qualche secondo dopo uno spettacolo di luci e suoni mi ha emozionata moltissimo.

Qui è anche dove si trova il grande albero di Natale della città e la capanna del presepe.

Perdetevi tra le viuzze intorno alla piazza, tra suonatori di strada, stretti vicoletti che conducono in pub nascosti e una magica atmosfera natalizia.

Sinceramente mi sarebbe piaciuto moltissimo visitare le opere di Victor Horta, architetto stile liberty che sta a Bruxelles come Gaudì sta a Barcellona. Ma in una giornata soltanto non sono riuscita e devo dirvi sinceramente che mi sono goduta questo viaggio con il cuor leggero.

 

What to see in Brussels?

you can not miss the spectacle of one of the most beautiful squares in the world and UNESCO world heritage site. The Grand Place, the town hall is a place of fairy tales, the heart of the city.

The impact has been very strong, 19 in the evening, we ( my little sister and I) find ourselves at the center of the square and suddenly all the lights are turned off in the blink of an eye.

Seconds later a show of lights and sounds has excited me very much.

Here it is also where is the big Christmas tree in the city and the hut of the crib.

Wander the narrow streets around the square, including street musicians, narrow alleys leading into hidden pubs and a magical Christmas atmosphere.

Frankly I would have loved to visit the works of Victor Horta, art nouveau architect who is in Brussels as Gaudi is to Barcelona. But in only one day I could not and I must tell you frankly that I enjoyed this trip with a light heart.

32 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.1 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 5 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 7 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.36 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.22 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 18 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.14 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 13 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 12 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 16 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.

Mercatini di Natale e mercatini vintage della capitale belga.

I famosi chioschi in legno dallo spirito natalizio sono presenti fino al 1 Gennaio e si dislocano intorno alle vie principali della città, il famoso Plaisirs d’Hiver.

Dalla fermata della metropolitana Bourse fino ad arrivare alla  Grand Place, passando per la piazza di Santa Caterina.  Sono certamente i mercatini di Natale più estesi che ho visitato quest’anno ( ben 240 stand ).

Mentre per quanto riguarda il vintage, una delle mie grandi passioni, vi consiglio il mercatino della domenica nel quartiere Sablon.

Proprio davanti alla meravigliosa cattedrale ( foto su) troverete anziani signori e signore che vendono gli articoli più disparati. Da antiche piastre per i Waffles a veri oggetti da collezionismo. Particolarmente consigliato per chi cerca piccoli pezzi d’arredamento o bijoux vintage.

A livello d’abbigliamento non c’è molto. Il quartiere merita davvero una visita, passeggiate la domenica mattina con un tè alla menta fumante tra le mani, in un’atmosfera rilassata di chiacchiere tra amici e bagliori di tiepido sole.

 

Christmas markets and vintage markets of the Belgian capital.

The famous wooden kiosks by the Christmas spirit are up until January 1, and will displace around the main streets of the city.

From metro Bourse Metro to get to the Grand Place, passing by the square of Santa Caterina. They are certainly the Christmas markets  most extensive I have visited this year.

While for the vintage, one of my great passions, I recommend the market on Sunday in the Sablon district.

Just in front of the stunning Cathedral (photo up) you will find elderly ladies and gentlemen who sell the most diverse articles. From antique plates to Waffles in real collectibles. Especially recommended for those looking for small pieces of furniture or vintage jewelry.

On a clothing level there is not much. The district is well worth a visit, walks on Sunday morning with a steaming mint tea in the hands, in a relaxed atmosphere to chat with friends and take warm sun flares.

19 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 9 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.

Dove mangiare a Bruxelles?

Gli indirizzi sono molti, ma badate bene che la loro concezione di pub è differente dalla nostra. Sono locali in cui si può esclusivamente bere e non mangiare, se non per qualche cetriolino.

  • Ristorante Amadeus, il mio preferito in assoluto. Un’atmosfera unica, richiama un’antica biblioteca con un mood super accogliente. Situato in centro città è una vera chicca, grazie a Francesca per il consiglio prezioso! Il luogo giusto per i veri carnivori, si tratta infatti di un all you can eat di costolette di maiale.
  • Cafè La Mort Subite: il luogo perfetto se volete degustare birre tipiche belga. Si tratta di un caffè storico della città, nato del 1910. Peccato per l’accentuata scortesia del personale.
  • Ristorante Bocconi – Hotel Amigo: un vero paradiso per il palato. Collocato alle spalle della Grand Place nel lussuoso Hotel Amigo ha una posizione strategia ed una cucina italiana da leccarsi i baffi. Per quando avete nostalgia di casa e volete ricordarla in grande stile.
  • Aux Merveilleux de Fred: per una merenda con grand stile provare le meringhe belghe. Riconoscerete le botteghe situate in varie parti della città dal profumo che viene emanato e dai pasticceri in vetrina che le realizzano davanti agli occhi di spettatori curiosi.
  • Pub De Goede Oude Tijd: la vera chicca. Locale scoperto per caso, come succede con i luoghi migliori. Vi sembrerà di entrare in Diagon Alley, veramente un’atmosfera magica proprio dietro la Grand Place. 

A presto con la mia personale guida e diario di bordo di una delle città più belle che abbia mai visto: Bruges!

 

Where to eat in Brussels?

Addresses are many, but be forewarned that their conception of pubs is different from ours. Pubs are where you can only drink and not eat, if not for some gherkin.

  • Restaurant Amadeus, one of my favorite. A unique atmosphere, recalls an ancient library with a super cozy mood. Located in the city center is a real gem, thanks to Francesca for the valuable advice! The right place for true carnivores, infact this is an all you can eat pork ribs.
  • Café La Mort Subite: the perfect place if you want to taste typical Belgian beers. It is a historic café in the city, born in 1910. Too bad for the accentuated rudeness of the staff.
  • Ristorante Bocconi – Hotel Amigo: a paradise for the palate. Located behind the Grand Place in the luxurious Hotel Amigo it has a strategy position and a mouth-watering Italian cuisine. For when you are homesick and want to remember it in great style.
  • Aux Merveilleux de Fred: For a snack with grand style try the Belgian meringues. Recognize the shops located in various parts of the city by the smell that emanates, bakers and pastry Featured who carry them out before the eyes of curious onlookers.
  • Pub De Goede Oude Tijd: the real gem. Local discovered by chance, as happens to the best places. It seems to get into Diagon Alley, truly a magical atmosphere just behind the Grand Place.

See you soon with my personal guide and diary of one of the most beautiful cities I’ve ever seen: Bruges!

3 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 26 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 29 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 28 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles. 25 Un weekend in Belgio, diario di viaggio di Bruxelles.

 Address: Rue Royale 250, 1210 Brussels