Shades

108

Dopo due giorni passati a respirare l’aria del mare dell’Ultima Spiaggia di Capalbio,

una passeggiata sopra le antiche mura di cinta e meravigliosi ravioli al tartufo si torna al grigiore di questa estate che tutto è tranne che stagione calda e soleggiata.

Un frammento di agata che adoro le pietre naturali e un paio di lenti specchiate per illuminare foto scattate alle 13 quando il sole, in teoria, dovrebbe essere alto in cielo.

La parte antica della città, che a quell’ora le vie e vicoli si svuotano e l’unico rumore è quello del tintinnio dei piatti  e di quei profumi inebrianti che non  so perchè, ma solo nei centri storici si percepisce ancora.

Piccoli gruppi di turisti ad assaporare questa atmosfera, che tante volte vorrei proprio capire come viene percepito un posto che per me è casa.

Buon giovedì e buon pranzo.

 

After two days  spent of breathing the sea air of the Last Beach in Capalbio (Tuscany),

walking on the ancient walls and  tasting a wonderful ravioli with truffles I come back to the grayness of this summer that is anything but warm and sunny.

A slice of agate that I love natural stones and a pair of mirrored lenses to illuminate these  photos taken when the sun, in theory, should be high in the sky (1 pm).

The oldest part of the town, which at that time the streets and alleys are empty and the only sound is one of the clinking of dishes and of those scents that I do not know why but only in the historical centers can still be felt.

Small groups of tourists to enjoy this atmosphere, that many times I just want to understand how it is felt a place that it is home for me.

Happy Thursday and good lunch. Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

#WhereToGo for vintage in Rome

87

Vi ricordate uno di quei tesori vintage di cui parlavo in qualche post fa?

La provenienza della pochette è proprio quella, un gioiello firmato Gucci e scovato in un mercatino.

Che le cose più belle sono quelle inaspettate.

E allora se dovesse interessarvi dar vita a “vecchi oggetti”, questa una lista dei miei posti preferiti a Roma:

Zona Rione Monti:

-Pulp (Via del Boschetto 140), a metà tra il vintage e il remake di capi firmati proprio Pulp.

-King Size (dall’altro lato della strada) ricchissimo di accessori, sopratutto borse e scarpe.

-Pifebo (Via dei Serpenti 141) particolarmente indicato per chi è alla cerca di occhiali da sole.

Quest’ultimo ha un’altra sede nella zona, precisamente Via dei Valeri 10; un negozio vintage di ben 300 mq che contiene addirittura un ambiente in cui acquistare capi al chilo. Un vero e proprio paradiso per gli amanti della ricerca vintage.

-Le Vesti di Messalina (Via Leonina 24) , perfetto per trovare un capo spalla o una giacca jeans vintage firmati.

Zona Via del Governo Vecchio:

E’ propriamente una delle via del vintage per antonomasia, si respira un’atmosfera surreale. Ci si perde tra i vicoli alla ricerca di piccole serrande in cui scovare grandi tesori.

Porta Portese:

è lo storico mercato della domenica mattina . La parte interessante è quella dove il tempo si è fermato e le persone vendono frammenti di vita. Luogo perfetto per fare grandi affari.

Zona San Lorenzo:

-Pifebo : (Via dei Volsci 101B) sì ha una sede anche quì.

-King Size: anche lui ed è accanto a Pifebo.

Ovviamente sono sempre in cerca di nuovi tesori, quindi se avete luoghi dove scovarli curiosa di scoprirli.

E che sia un buon lunedì.

 

Do you remember the vintage treasure that I mention few posts ago ‘?

The origin of the clutch is just that, a jewel by Gucci that I found in a vintage place.

That the most beautiful things are unexpected.

So if you are interested in giving life to “old objects”, this is a list of my favorite places in Rome:

Rione Monti area:

-Pulp (Via del Boschetto 140), halfway between the vintage and the remake of Pulp own designer clothes.

-King-Size (across the street) full of accessories, especially handbags and shoes.

-Pifebo (Via dei Serpenti 141) is particularly suitable for those who are looking for sunglasses.

Pifebo has another location in the area, withe the same name in Via dei Valeri 10; a vintage shop of 300 square meters, which contains a room where you can buy clothes by kilo. A real paradise for lovers of vintage research.

-Le vesti di Messalina (Via Leonina 24), perfect for finding a coat or a vintage  designed denim jacket.

Via del Governo Vecchio area:

It is really a way of vintage par excellence, the atmosphere is surreal. You get lost in the narrow streets looking for small shops where to find great vintage treasures.

Portaportese:

is the storical market on Sunday morning. The interesting part is where time has stopped and people selling fragments of  their life. The perfect place to do big business.

San Lorenzo area:

-Pifebo: (Via dei Volsci 101B) yes, there is also a shop here.

-King Size: even him and it is next to Pifebo.

Obviously I’m always looking for new treasures, so let me know if you have some other vintage places.

Have a good Monday. Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , | 37 commenti

Sunny VS Cloudy

31

Una manicure dei colori del sole che non c’è.

La comodità di una taglia non mia, che un po’ tutte ci immaginiamo al mattino con la camicia del proprio lui, i capelli ordinati e lei perfettamente stirata -impossibile-.

Giornate grige, di quelle che definirei in un limbo tra la vacanza e la tristezza di un clima che più che altro sembra Novembre.

Ma nonostante tutto buon venerdì, e che sia splendente.

 

A manicure with the colors of the sun is not here.

The convenience of a size not mine, that a little ‘we imagine all in the morning with the  shirt of him, the perfect hair and the shirt  perfectly stretch -impossible-.

 

Gray days, that I would call in a limbo between the holiday and the sadness of a climate that seems more like November.

But despite all have a good and shiny Friday.

Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , | 24 commenti

Golden time

35

Le ore color oro e la calma dopo una tempesta.

Quando tutto si tinge di rosa e dorato, e inizia la ricerca di una panoramica per ammirare meglio il tramonto.

Un luogo della mia città che avete già visto qui, tra lo skyline di Roma e alle spalle il resto della collina su cui sorge il centro abitato.

Un crop top che ho cercato moltissimo, a metà tra un top e un bustier, che l’intimo a mo’ di corsetto diventa visibile (tra i 30 must have di questa estate 2014 secondo Vanity Fair).

Una gonna  a vita alta che più che altro sembra un marshmallow, quella sensazione di gommoso e impalpabile che si traduce in una delle sfumature del sole al tramonto.

Un paio di zeppe che da sole sono in grado di dire di che tipo di look si tratta, perchè se le scarpe sono tra le migliori amiche delle donne un motivo ci sarà.

Per cui la scala diventa: tacco a spillo per un look super chic, o flat (dalla ballerina al sandalo) per il super easy. Dalla pista da ballo alla spiaggia per intenderci.

Così la zeppa (che sia di corda, legno o sughero) diviene quella terra di mezzo, in cui la serata potrebbe nascere ed evolvere in qualunque cosa, da un cinema sotto le stelle ad una passeggiata tra le vie di Roma ( che è noto quanto i sanpietrini non aiutino per niente l’audacia di un tacco sollevato da terra); da un ristorante chic ad un’hamburgeseria.

Una scarpa salva serata la zeppa, tanto che sto pianificando di acquistarne altre; Quindi ho stilato una wishlist con modelli presi dalla pagina dedicata di Zalando.it.

Giusto per la cronaca la serata è diventata una cena in un ristorante di quelli con le lucine fuori, un menù scritto a mano e quei piatti che ti rubano il cuore oltre che la linea.

 

The golden hour and the calm after a storm.

When everything become  pink and golden, and  it begin the research for a better overview to admire the sunset.

A place in my town that you’ve already seen here, including the skyline of Rome and behind the rest of the hill on which stands the town.

A crop top that I look for a lot, somewhere between a top and a bustier, which the intimate as a corset becomes visible (between the 30 must-have of this summer 2014 for Vanity Fair ).

A high-waisted skirt that looks more like a marshmallow, that feeling of chewy and impalpable, which translates into one of the shades of the sunset.

A pair of wedges which alone are able to say what kind of look it is, because if shoes are among the best friends of women there is a reason.

So the rule is: stiletto heel for a super chic look, or flat (ballerina and sandal) for super easy one. From the beach to the dance floor to speak.

So the wedge (which is of rope, wood or cork) becomes the middle ground, where the evening might arise and evolve into anything from a movie under the stars with a walk through the streets of Rome (which is known as the cobblestones do not help at all a heel lifted from the ground); from a chic restaurant to an hamburgeseria.

An evening save shoe  the wedge, infact I am planning to buy more; So I have compiled a wishlist with models taken from the relevant page of Zalando.it.

Just to say the evening became a dinner at a restaurant with the little lights out, a hand-written menu and dishes that will steal your heart as well as the line.   Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , , , , , | 24 commenti

A road for two

25

Una strada deserta di quelle che ti portano in cima alla montagna, che quando inizia la sera tutto torna a casa.

La perfezione per osservare nuovamente il tramonto, che le cose belle succedono ogni giorno sotto i nostri occhi.

Vento nei capelli, cielo rosa e una strada tutta per me e per lui.

Attimi di silenzio, di ammirazione e contemplazione.

Sere d’estate che se ci penso continuo ad immaginarle con lucine appese ad un gazebo in un piccolo giardino nascosto e  un bicchiere di vino di quelli bianchi e fruttati.

Ma anche una birra va benissimo, purchè sia gelata, accompagnata da risate e scherzi tra amici, che il divertimento è spesso anche nel prendersi in giro.

Sere d’estate in cui la pelle rinfresca e lo spirito rinvigorisce.

 

A deserted street, one of those that take up  on the mountain, that when the evening stars all come back home.
The perfection to look again at sunset, that good things are happening every day in front of our eyes.
Wind in the hair, pink sky and a road all to myself and for my him.
Moments of silence, contemplation and admiration.
Summer evenings, that when I think, I keep imagining them with fairy lights hanging from a gazebo in a small hidden garden and a white and fruty glass of wine .
But even a beer should be fine, as long as it is frost, with laughter and jokes between friends, the fun is often even poke fun.
These summer evenings when the skin cools and  the spirit reinvigorates. Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , , | 31 commenti

#WhereToGo: Todi

1413

Quei giorni in cui si parla di andar lontano tra amici,  superare i propri confini e scoprire nuovi territori e mete.

E così tornano alla mente bei ricordi, foto che avevo dimenticato in una cartella del computer, foto della scorsa Pasquetta.

Todi -che l’Italia si sa è fatta di #cosebelle- e questa è parte della bellezza.

Un borgo a cui si accede, ancora, dalla porta dell’antica cinta muraria, che qui il tempo si è fermato ed il centro è quello che era nel Medioevo.

La passeggiata è piacevole e si arricchisce di panorami umbri, chiese ed edifici civili di epoca medievale.

La leggenda vuole che la città dovesse sorgere sulla zona pianeggiante, ma un’aquila togliendo la tovaglia dal tavolo sul quale i fondatori stavano facendo colazione e lasciandola cadere sulla cima del colle, decretò la posizione odierna.

L’area vide grandi maestri: da Vignola a Bramante,  ed è la città natale del poeta Jacopone da Todi.

Un centro storico che si percorre facilmente a piedi tra la Chiesa di San Fortunato e il Palazzo del Capitano.

Una passeggiata lungo le mura antiche dopo un ricco pranzo, che la cucina italiana è per me il top.

E visto che di mare ancor si può parlare ben poco, l’entroterra sembra la soluzione migliore per una domenica fatta di risate e tempo di qualità con gli amici.

Quando perdersi è la soluzione migliore per scoprire.

 

Those days when it comes to go away with friends, beyond our boundaries and explore new territories and places.

And so it reminded me lost memories, photos that I had forgotten in a folder on my computer, photos from last Easter.

Todi,  that Italy is made ​​of #goodthings, and this is part of the beauty.

A village in which you can still enter through the door of the ancient city walls, that here the time has stopped and the center is like in the Middle Ages.

The walk is pleasant and is enhanced by breathtaking Umbrian  view, churches and civil buildings of medieval times.

The legend says that the city should arise on the flat area, but an eagle removing the cloth from the table on which the founders were having breakfast and dropping it on top of the hill, decreed the current position.

The area saw great masters: from Vignola to Bramante and this is the birthplace of the poet Jacopone da Todi.

An old town center which can easily be descoverd on foot between the Church of San Fortunato and the Captain’s Palace.

A walk along the ancient walls after a lunch that Italian cuisine is the top for me.

And because for now we can talk not so much of the sea (always bad weather here), the hinterland seems to be the best solution for a Sunday made ​​of laughter and quality time with friends.

When getting lost is the best way to find out.

Continua a leggere

Pubblicato in WhereToGo | Contrassegnato , , , | 25 commenti

Chanel&white

335

In questi giorni la voglia è di bianco, leggero e spensierato. Che probabilmente è una contrapposizione alla pesantezza del periodo di esami.

Quando la mente inizia a volersi discostare del corpo e va lontano, che la necessità di vacanze diventa un bisogno.

Il pensiero vola verso nuove mete e scoperte, che il desiderio di esplorare nuovi mondi si fa intenso e vicino.

Una midi skirt (gonna sotto il ginocchio) che è una delle tendenze di questa estate 2014 e un crop top di H&M. L’effetto “fatina” l’ho attenuato con le mie tanto amate scarpe di LU®.

Che sia un radioso venerdì.

 

In these days the desire  is of white, light and carefree. That probably it is a contrast to the heaviness of the exam times.

When the mind begins to want to move away from the body and goes away, that the want of a vacation becomes a need.

The thoughts fly to new destinations and discoveries, that the desire to explore new worlds is more intense and closer.

A midi skirt (skirt below the knee), which is one of the trends for this summer 2014, and a crop top from H&M. I’ve decreased the effect of a “fairy” with my beloved shoes  from LU®.

Have a bright Friday. Continua a leggere

Pubblicato in Chanel, outfit | Contrassegnato , , , , , , | 32 commenti

Beyond boundaries

93

Buongiorno così.

Che è stato un altro di quei giorni in cui l’improvvisazione vince, da Porta di Roma alle porte dell’Abruzzo in meno  di un’ora. Che il tempo di qualità in realtà è sempre molto vicino, la forza di volontà di agire, di spostarsi e osare un po’ meno.

La leggerezza di un vestito appena acquistato e la consapevolezza che andare oltre i propri confini sempre e comunque, è la cosa migliore.

 

Good morning in this way.

That was another of those days in which improvisation wins, from Porta di Roma (a mall) to the outskirts of Abruzzo in less than an hour. That quality time is always very close, the strength of will to act, to move and dare a little ‘less.

The lightness of a dress just purchased and the knowledge that go beyond our boundaries it is always the best thing. Continua a leggere

Pubblicato in Bijou Brigitte, outfit | Contrassegnato , , , | 36 commenti

#WhereToGo: Sperlonga

1020

Questa è la storia del mare. La storia del mare italiano, che spesso nel passato subì attacchi e contaminazioni.

In questo caso la vicenda è quella di Sperlonga, uno dei borghi più belli di Italia che fu preda tra gli altri del pirata Barbarossa.

Così “torri di controllo” sorgevano sul mare, a scrutarlo, e oggi divengono baluardo di ciò che fu, caratterizzando ancor di più il paesaggio.

Camminando verso la “Torre Truglia” ho visto un uomo scrutare il mare, un anziano che ormai può trascorre il suo tempo a riempire gli occhi di bellezza senza dover necessariamente sbrigarsi a tornare al pensiero successivo.

Che il futuro per i giovani è paradossalmente molto più vicino tra esami e il crearsi una strada.

La città è Sperlonga, ed è uno di quei luoghi che ti fanno dimenticare il pensiero successivo.

Capelli asciugati dal sole e arricciati dal vento, una gonna lunga che adoro l’effetto di leggerezza del velo che viene trasportato dalla brezza marina.

E finalmente un po’ di sole.

 

This is the story of the sea. The history of the Italian sea, which in the past was often under attack and contamination.

In this case the story is of Sperlonga, one of the most beautiful villages in Italy that was prey among other, of the pirate Barbarossa.

So “control towers” arose on the sea, to watch and control it, and now become a symbol of the past, featuring even more the landscape.

Walking towards the “Tower Truglia” I saw a man watching the sea, an old man who can now spends his time filling the eyes of beauty without having to hurry to get back to the next thought.

That the future for young people is paradoxically much closer between exams and create an own road.

The city is Sperlonga, and it is one of those places that make you forget the next thought.

Curled hair dried by the sun and the wind, a long skirt that I love the effect of lightness of the veil that flies with the sea breezes.

And finally a bit ‘of sun. Continua a leggere

Pubblicato in outfit | Contrassegnato , , , , | 62 commenti

White freedom

156

E poi: svolta l’angolo!

E trovi l’altro lato della città, quello che vedendo dall’altra faccia è tutto cascate e skyline (eccolo).

Da questa parte è fiori e tramonto.

La luce calda che a me da una sensazione infinita di libertà.

Forme geometriche tra la ricostruzione della facciata del tempio che in tempi antichi troneggiava in quest’area e che spero un giorno sarà nuovamente visitabile.

Triangoli nelle forme degli accessori firmati Bijou Brigitte, che questo è parte del resto di cui parlavo qui,  e quella sensazione di leggerezza che solo il bianco sa dare.

Buon lunedì.

 

And then turning the corner!

And you can find the other side of the city, the other is all waterfalls and skyline (here it is).

But this one it is all flowers and sunset.

The warm light that gives me a feeling of infinite freedom.

Geometric shapes in the reconstruction of the facade of a temple that in ancient times dominated in this area and that I hope one day will be again open to visitors.

Triangles in the form of the accessories by Bijou Brigitte, that this is part of the rest that I mentioned here, and that feeling of lightness that only white can give.

Happy Monday. Continua a leggere

Pubblicato in Bijou Brigitte, Tivoli | Contrassegnato , , | 25 commenti